Elena Cappellini, finalista del Premio Stendhal

  elena cappellini TRADUCE leila slimani

ninna nanna

pubblicato da Rizzoli in Italia e da Gallimard in Francia

Quando arriva il secondo figlio, Myriam, promettente avvocato, decide di riprendere a lavorare. È una scelta sofferta, ragionata, discussa a lungo con Paul, il marito, eppure imprescindibile. É così che nell’appartamento dei Massé entra Louise, e trasforma la casa in un incanto, conquista l’amore di tutti fino a quando questo amore non trabocca mostrandosi eccessivo. Ninna nanna è la storia di questo amore: affonda lo sguardo nelle nostre concezioni dell’educazione, dei rapporti di forza che si celano dietro il denaro, parlandoci di pregiudizi culturali e di classe e del tempo in cui viviamo. Premio Goncourt 2016.

L’AUTrice: leïla slimani

Leila Slimani è nata nel 1981 a Rabat, in Marocco, e oggi vive a Parigi. Con Nel giardino dell’orco (Rizzoli 2016), il suo primo romanzo, ha vinto il prestigioso Prix de la Mamounia, il più importante riconoscimento letterario marocchino. La sua seconda prova narrativa, Ninna nanna, è stata insignita del Premio Goncourt nel 2016

la traduttrice: elena cappellini

Elena Cappellini, dopo la laurea in Lettere moderne presso l’Università di Bologna, ha studiato a Siena, dove ha conseguito il dottorato in Letteratura comparata e Traduzione del testo letterario. Ha partecipato a convegni e pubblicato saggi su Michel Tournier, sul fantastico, sull’immaginario radiofonico, fotografico e radiologico. Dal 2002, a Cremona, è stata curatrice del festival Pensare la differenza, percorsi, incontri e spettacoli sulla cultura di genere.