Vite bruciate | Dominique Manotti a Più libri più liberi

00144 Roma RM
09 Dicembre, 15:00

 

Vite bruciate

 

Presentazione del libro di Dominique Manotti

Intervengono l’autrice e Giancarlo De Cataldo

A cura di Sellerio editore in collaborazione con Institut français Italia 

 

Dominique Manotti è stata una militante politica e sindacale, e insegna storia economica all’università. Dal 1995, con l’intento esplicito di continuare il suo impegno sociale per altre vie, ha scritto una decina di noir con al centro cospirazioni economico-finanziarie. In Francia, ha ottenuto i principali premi letterari per il giallo: il Prix Mystère de la critique (2002 e 2007) e il Grand Prix de la Littérature Policière (2011). Con questa casa editrice ha pubblicato Oro nero (2015), Il sentiero della speranza (2016), Le mani su Parigi (2017) e Vite bruciate (2018).  

Lorena, Nord-Est della Francia, zona di industria siderurgica una volta fiorente. Anni Novanta, quando la parola «globalizzazione» era ancora incomprensibile ai più. In una fabbrica, l’arroganza di un manager vanitoso provoca la protesta dei lavoratori che sfocia nell’occupazione degli stabilimenti. Potrebbe essere un’accesa vertenza sindacale e finire con un accordo, ma qualcuno vi vede un rischio maggiore. Allora un incendio può servire a bruciare tutto.
A Parigi, che sembra molto lontana, si sta giocando una grossa partita. È in via di privatizzazione un colosso dell’elettronica di proprietà statale che produce armamenti. Due gruppi sono in gara per l’acquisto; il vincitore assumerà una posizione dominante nell’industria mondiale della guerra. Lo scontro senza esclusione di colpi coinvolge un ex poliziotto, che si tira dietro alcuni fantasmi del passato. Presto dovrà fronteggiare una domanda minacciosa: che c’entra l’affare di Parigi con le piccole vite bruciate in quella cittadina del Nord-Est? Fin dove arriva la combine della fabbrica d’armi?
I thriller politico-finanziari della Manotti, le sue storie avvolgenti e sfuggenti come i tentacoli di un polpo intelligente, raccontano il capitalismo dal suo lato criminale. Armi, omicidi, droga, vizio, guerra, corruzione: le scorie del cosiddetto sviluppo. Ovve ro il lato criminale dell’Occidente che coincide con il capitalismo. È ciò che ne pensa l’autrice, la quale, per lunga militanza sociale e competenti ricerche accademiche di storia economica, conosce sia i capannoni delle fabbriche che le vetrate panoramiche degli uffici finanziari; nelle sue pagine acquistano vividezza sia i profili raffinati di top manager miliardari dalle vite corrotte sia le incerte sagome di operaie dalla squallida quotidianità.
E questo in una prosa mordente, concreta e senza lamento, che inquadra la scena dal basso, facendo credere a chi legge di essere proprio lì. 

 

Più libri più liberi ritorna nella Nuvola dell’Eur. Dopo lo straordinario successo dell’edizione dello scorso anno – che ha registrato un record di oltre 100 mila presenze e il tutto esaurito nella maggior parte degli incontri – dal 5 al 9 dicembre si svolgerà a Roma la diciassettesima edizione della Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, promossa e organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE). La Fiera sarà inaugurata il 5 dicembre alle ore 10.30 al Caffè letterario Rai.

PER UN NUOVO UMANESIMO
Mai come oggi la Terra è segnata da conflitti, enormi diseguaglianze economiche e sociali, instabilità politica, colossali spinte migratorie e altrettanto forti arroccamenti. Proprio per questo, Più libri più liberi sceglie di rimettere al centro del suo programma, curato da Silvia Barbagallo, l’essere umano, i suoi diritti e la sua dignità, il cui riconoscimento, come recita la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, «costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo». L’edizione 2018 della Fiera della piccola e media editoria lancia, quindi, una sfida al mondo della cultura ma anche a quello della politica e delle istituzioni: la proposta di un “nuovo umanesimo”, inteso come la riaffermazione di una humanitas che implica anche - e soprattutto - un profondo senso di solidarietà fra le persone, nella consapevolezza di una comune appartenenza al genere umano. Un tema che rappresenterà il fil rouge di tutta la manifestazione e che sarà affrontato con moltissimi ospiti e da grandi personalità del panorama letterario internazionale e italiano. 

Vite bruciate -  Dominique Manotti  
09 dicembre 15.00
Sala Sirio
Roma Convention Center - La Nuvola  

Roma Convention Center | la Nuvola

Viale Asia, 40
00144 Roma RM

Phone: 06 5451 3710