Débat d'idées

Futuro del lavoro, lavoro del futuro: nuovi diritti, nuovi valori?

Partagez !
organisé dans le cadre de :

 

Palazzo Farnese, Roma

Venerdì 12 novembre, ore 18.30

Futuro del lavoro, lavoro del futuro: nuovi diritti, nuovi valori?

Alain Supiot, giurista,

Dominique Méda, sociologa,

Ota De Leonardis, sociologa.

Modera Roberto Ciccarelli, filosofo e giornalista
 

Incontro in presenza, posti limitati

ISCRIZIONE OBBLIGATORIA FINO AD ESAURIMENTO POSTI DISPONIBILI CLICCANDO QUI 

e in diretta streaming in italiano e in francese

Evento realizzato con il sostegno di Edison e in partenariato con RaiRadio3.

Nell’ambito dei Dialoghi del Farnese

 

 

Il tema del lavoro è uno dei più stringenti in Italia, Francia e Europa. È allo stesso tempo un valore economico e personale, un mercato e un campo di sperimentazione della globalizzazione dove si calcolano i rischi, si progettano i cambiamenti tecnologici. Quali sono le sue trasformazioni tra piattaforme e conversione ecologica, disumanizzazione e « governance attraverso i numeri », disuguaglianze e nuove catene del valore? Sarà il diritto del lavoro un ostacolo oppure una necessità di giustizia? Sono compatibili le nuove forme del lavoro con il Welfare? Esploreremo queste domande insieme al giurista francese Alain Supiot, la sociologa e filosofa italiana Ota de Leonardis e la sociologa e filosofa francese Dominique Méda, anche in occasione della pubblicazione di Alain Supiot, La sovranità del limite. Giustizia, lavoro e ambiente nell’orizzonte della mondializzazione, Milano, Mimesis (a cura di Andrea Allamprese e Luca d’Ambrosio, Postfazione di Ota di Leonardis), 2020.


 

Dominique Méda è Professore all’Università Paris Dauphine-PSL, ricercatrice all’Institut de Recherche interdisciplinaire en Science Sociales.  Ha partecipato di recente a Le Manifeste Travail : Démocratiser. Démarchandiser. Dépolluer, Seuil, 2020. Tra le sue opere: Une autre voie est possible? Vers un modèle social-écologique (2020); Le travail. Une valeur en voie de disparition? (1995). In italiano sono stati tradotti: Società senza lavoro. Per una nuova filosofia dell’occupazione, Feltrinelli, 1997; Il lavoro. Che cos’è quando c’è, Asterios, 2005.

Ota De Leonardis è stata Professore di Sociologia all’Università di Milano Bicocca, direttore di Rassegna Italiana di Sociologia, presidente del Consiglio Scientifico dell’Institut d’Etudes Avancées di Nantes. È stata membro del Centro per la Riforma dello Stato (Roma). I suoi ambiti di studio concernono le istituzioni, le politiche pubbliche con riguardo al welfare, le trasformazioni della sfera pubblica, della cittadinanza e della democrazia. Tra le sue pubblicazioni: (a cura di, con altri) Democracy and Capabilities for Voice. Welfare, Work and Public Deliberation in Europe, 2012; (a cura di, con F. Neresini) “Il potere dei grandi numeri”, special issue, RIS, 3-4, 2015; “Il Mercato totale. Su diritto e democrazia”; (a cura di, con altri) Covid-19. Tour du monde, 2021.  

Alain Supiot è Professore emerita al Collège de France (cattedra « Stato sociale e mondializzazione : analisi giuridica delle solidarietà ») e socio corrispondente della British Academy (2015). Dal 2016 al 2018 è stato membro della Commissione mondiale sul futuro del lavoro dell’OIL. Le sue ricerche si svolgono principalmente in due campi: diritto sociale e teoria del diritto, oggetto del suo libro La gouvernance par les nombres (2015). Di lui in italiano, oltre a La Sovranità del limite: Axel Honneth, Richard Sennett, Alain Supiot, Perché lavoro? Narrative e diritti per lavoratrici e lavoratori del XXI secolo Milano, Fondazione Feltrinelli, 2020 ; Lo spirito di Filadelfia. Giustizia sociale e mercato totale, et al./edizioni, 2011; Homo juridicus. Saggio sulla funzione antropologica del Diritto, Mondadori, 2006 ; Il Futuro del Lavoro, Carocci, 2003.


 

PROTOCOLLO COVID-19
Sono in atto le misure per il contrasto e il contenimento del coronavirus (mascherina, distanziamento, igienizzazione)

Per accedere a Palazzo Farnese, è obbligatorio esibire il GREEN PASS. Vi ringraziamo in anticipo per la vostra collaborazione.