Cinema & audiovisivo

Moi, un noir

Condividilo!
organizzato nell'ambito di:

di Jean Rouch

Costa d’Avorio, Francia
con Oumarou Ganda, Petit Touré, Alassane Maiga, Karidyo Faoudou

Ritratto di  un gruppo di giovani venuti dal Niger a un sobborgo di Abidjan in cerca della fortuna. In questo «film improvvisato», come lo definisce Jean Rouch stesso, seguiamo attori-personaggi che si sono scelti nomi come Edward G. Robinson, Eddie Constantine o Tarzan, segno della loro ricerca di un’altra vita. Girato con la cinepresa in spalla, senza altra sceneggiatura che l’umore e l’ironia dei protagonisti, questo primo esempio di «ethno-fiction» girato nel 1958 entusiasmò i giovani critici che sarebbero diventati gli autori della Nouvelle Vague: Jean-Luc Godard si ispirò a Oumarou Ganda, alias Edward G. Robinson, per il personaggio di Belmondo in A bout de souffle, e Rivette definì il film «il motore di tutto il cinema francese da dieci anni a questa parte, anche se in pochi lo sanno. In un certo senso Rouch è più importante di Godard per l’evoluzione del cinema francese.»

leggi una recensione>>

Versione originale francese con sottotitoli in inglese
Ingresso con PassIFM+ o CinéCarte
 

PREVENZIONE CONTRO IL COVID-19: NUOVE REGOLE PER LE PROIEZIONI AL CINÉMAGENTA63

> prenotazione obbligatoria a tutte le proiezioni

> uso della mascherina durante tutta la permanenza all’Institut français

> controllo della temperatura all’ingresso in sala

> igienizzazione delle mani

> distanziamento sociale negli spazi dell’Institut e in sala

> ingresso e uscita scaglionati per evitare assembramenti

> sanificazione della sala dopo ogni manifestazione con la presenza di pubblico

Al momento della prenotazione, sarà richiesto il vostro consenso a queste misure.

La collaborazione di tutti è essenziale per poter tornare al cinema. Grazie per il vostro aiuto!

PER PRENOTARE IL TUO POSTO CLICCA QUI>>

NB  La prenotazione è una necessità legata alla situazione sanitaria. È obbligatoria per accedere al cinema, anche per i possessori di tessere dell’Institut.