Dibattiti

IL BANCHETTO DI NOZZE DI CATERINA DE’ MEDICI

Condividilo!

 

IL BANCHETTO DI NOZZE DI CATERINA DE’ MEDICI

lunedì 28 ottobre 2019 (18:00)

Quest’evento s’inserisce nell’ambito delle Celebrazioni per il 500° anniversario della nascita di Cosimo e Caterina.

In collaborazione con MUS.E, Enoteca Pinchiorri, Comune di Firenze

 

Matrimonio di Caterina de’Medici e di Enrico, duca di Orléans (28 ottobre 1533), Jacopo da Empoli, 1600, Firenze, Galeria dgli Uffizi, ©Uffizi.

 

Quali sono i piatti che Caterina apprezzava in particolare, tanto da conservarne gelosamente le ricette e portarle con sé a Parigi quando diventa Regina di Francia,

influenzando per sempre la cucina d’oltralpe?

Grazie al lavoro storico di Anna-Maria Evangelista è stato possibile ricostruire lo sviluppo del banchetto nuziale di Caterina de’Medici e Enrico di Valois, futuro Enrico II.

Il 28 di ottobre 1533 la figlia di Lorenzo de’ Medici, Caterina, sposa a Marsiglia il secondo figlio di Francesco I, Enrico di Valois, futuro re di Francia.

La conferenza spiega il contesto nel quale è avvenuto questo matrimonio, il cerimoniale ed il menù del banchetto nuziale.

Si racconta il modo in cui si è sviluppata la cena, presentando l’arte della tavola (presentazione dei piatti e allestimento della tavola), i “divertissement”, perché il banchetto era certamente animato da pezzi musicali, teatrali e da danze.

Quella che fu regina di Francia, poi reggente per i suoi due figli Carlo IX e Enrico III, durante il periodo difficile delle guerre di religione, è conosciuta per aver portato la forchetta alla corte francese.

Si parlerà quindi più generalmente, delle ricette e tradizione culinarie attraverso le quali Caterina de’ Medici influenzò la gastronomia e l’arte della tavola in Francia.

Questa descrizione storica e erudita sarà accompagnata da una degustazione di pietanze cucinate dall’Enoteca Pinchiorri in una ricostituzione molto fedele del banchetto, secondo le ricette originali in un “viaggio nel tempo”. 

 

Interventi

  • Anna-Maria Evangelista, docente di storia della cucina
  • Annie Féolde, chef con 3 stelle dell’Enoteca Pinchiorri
  • Pascal Brioist, storico specialisto della storia culturale rinascimentale

Informazioni pratiche