Dialoghi del Farnese

Patrimonio e Sostenibilità

Partagez !
organisé dans le cadre de :

Di fronte a nuove sfide ecologiche e allo stesso tempo ai flussi sempre più importanti dei turisti, trovare modi innovativi e sostenibili per la conservazione e la valorizzazione dei monumenti e dei siti patrimoniali è diventato un’emergenza. L’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile approvato dalle Nazioni Unite nel 2015 prevede 17 obiettivi di sviluppo sostenibile. Per la prima volta, il settore culturale e il suo riconoscimento come fattore di sviluppo socioeconomico e ambientale sono stati inclusi nell’agenda tra le principali priorità globali.


ISCRIZIONE OBBLIGATORIA CLICCANDO QUI


  • Philippe Belaval, Presidente del Centre des Monuments nationaux. Laureato in Scienze Politiche (IEP Toulouse) e in Amministrazione Pubblica (ENA) lavora presso lo Stato francese da numerosi anni. Nel 1990 diventa direttore generale dell’Opera nazionale di Parigi. Di seguito, si occupa per lo Stato francese dell’avvicinamento tra la Bibliothèque de France e la Bibliothèque Nationale dal 1994 al 1998. La sua carriera si orienta allora verso il patrimonio, diventa presidente del consiglio di amministrazione dell’Institut National du Patrimoine (INP) nel 2008 e direttore generale del patrimonio al ministero della cultura nel 2010. Durante questo suo incarico, gestisce la politica dello stato in materia di architettura, archivio, musei e patrimonio monumentale e archeologico. Ha lavorato inoltre in stretto contatto con altri direttori europei per il patrimonio nazionale all’interno della rete «European Heritage Head Forum» di cui era membro.  
  • Bernardino Chiaia, Direttore di SISCON Center – Safety of Instrastructures and Consctructions, Ordinario di Scienza delle Construzioni al Politecnico di Torino. Preside vicario delle Facoltà di Ingegneria del Politecnico dal 2003 al 2005, e vicerettore del Politecnico dal 2005 al 2011, Bernadinio Chiaia è anche membro del CDA dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Esperto i Ingegneria Strutturale e in Sismica e Meccanica della Frattura, ha collaborato con il MIUR, il MISE e la Commissione Europea nell’area Ingegneria e Innovazione. Consulente per la ricerca presso l’ETH Zurigo, l’Università di Padova, il Ministero della Ricerca in Polonia e Grecia, coordina anche numerosi progetti di ricerca finanziati da Enti pubblici, nazionali ed internazionali e da aziende private.
  • Lucia Mannini è Capo delegazione FAI Firenze dal 2017. Storica d’Arte, è stata curatrice di diverse mostra tra cui Lloyd. Paesaggi toscani del Novecento per la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron, Una Chimera del Novecento  per la Fondazione Ivan Bruschi, Bellezza divina tra Van Gogh, Chagall e Fontana per la Fondazione del Palazzo Strozzi. Ricercatrice presso il FAI dal 2013 al 2016, ha collaborato all’allestimento della casa museo Palazzo Campatelli a San Gimignano. Nel 2017, diventa Capo delegazione Fai di Firenze Specialista. Esperta nella valorizzazione dei musei, la sua ricerca si focalizza sull’arredamento d’interni e le arti decorative - in particolare le vetrate dell’inizio del XX° secolo.   

Modera: Angiola Codacci-Pisanelli, caposervizio de L’Espresso


ISCRIZIONE OBBLIGATORIA CLICCANDO QUI