Cultivons notre jardin - Incontri italo francesi sul mondo di domani

32 incontri italo-francesi sul futuro delle città di fronte all’urgenza ambientale, in stretto partenariato con le università e alcuni dei più importanti festival e sedi di dibattito italiani in 11 città, Mantova, Roma, Bologna, Torino, Ferrara, Napoli, Firenze, Palermo, Bari, Genova, Milano.
Dall’agricoltura urbana ai giardini condivisi, passando per la rivegetalizzazione delle strutture e la valorizzazione degli spazi aperti e quelli interstiziali: oggi emerge un rapporto più flessibile tra città e natura, nonché nuove dinamiche tra centri, periferie e campagna.


135 relatori francesi e italiani urbanisti, architetti, paesaggisti, biologi, filosofi, sociologi, registi, artisti, politici, sono invitati dall’Institut français Italia a riflettere insieme sull’apporto di questi progetti in materia di riduzione dell’inquinamento, di protezione della biodiversità, di miglioramento del paesaggio, della sanità, del benessere, della coesione sociale. Hanno tutti una convinzione profonda: la necessità di inventare un modello di sviluppo che tenga conto dell’interazione tra l’uomo e la natura.


Tra gli ospiti dell’edizione 2018: Gilles Clément, Bruno Latour, Stefano Boeri, Carlo Ratti, Stefano Mancuso, Guillaume Monsaingeon, Emanuele Coccia, Mathieu Pernot, Cyril Dion, Pierre Donadieu, Lucas Harari, Eric Cassar, Nicola Delon.

Dans cette rubrique